Torna anche quest’anno a Rimini
il Capodanno più lungo del mondo

Festeggiamenti / Un mese di eventi ed il concertone di San Silvestro con Coez e Planet Funk

Sarà uno dei cantautori più interessanti del panorama musicale italiano, Coez, a portare il suo inconfondibile crossover di generi tra rap e pop sul palco ‘vista mare’ di piazzale Fellini. Il cantautore, entrato a pieno titolo nella storia dello streaming e della discografia, che domina le classifiche e sta portando sui palchi dei palazzetti più importanti d’Italia il suo “E’ sempre bello in tour”, sarà a Rimini con il suo viaggio attraverso la sua storia musicale di 10 anni da solista. Immancabile, allo scoccare della mezzanotte, il grande spettacolo di fuochi d’artificio alle spalle del palco. Dopo i fuochi, il baricentro della festa si sposta e prosegue fino a notte fonda in centro storico, invadendo le piazze e le strade cittadine con le note, le luci e scenografie uniche. Prima sosta d’obbligo Piazza Cavour, cuore della Rimini Dance Reunion, un inedito dance floor dove fra i deejay storici delle mitiche discoteche. In piazza Malatesta, Castel Sismondo sarà la quinta unica di uno show live che vedrà i Planet Funk, fra il castello rinascimentale e il teatro verdiano, presentare una inedita versione più elettronica del nuovo album e compiere un viaggio tra i più grandi successi degli ultimi 15 anni in chiave dance floor.
Info: www.capodanno.riminiturismo.it


Arte

Bellini, al Museo della Città

E’ tornato a Rimini, presso il Museo della Città in via Tonini, il “Cristo morto con quattro angeli” di Giovanni Bellini. Il capolavoro è stato esposto nell’ultimo anno prima a Londra alla National Gallery nella mostra dedicata a “Mantegna e Bellini”, quindi nel prestigioso “Gemäldegalerie” di Berlino.
Info: www.museicomunalirimini.it


Arte Presepiale

Presepe di sabbia a Marina Centro

Il presepe di Marina Centro sarà imperniato sui maggiori capolavori scenici di Fellini. Utilizzando solo sabbia e acqua gli artisti della sabbia, provenienti da mezza Europa, si alterneranno nelle varie fasi delle creazione delle sculture per dare armonia e bellezza ad un presepe inusuale. Dal 22 dicembre al 6 gennaio.


“Fellini 100 Genio immortale”

Info / 14 sale-set per immergersi nell’ immaginario del Maestro

A 100 anni dalla nascita del Maestro del cinema Federico Fellini, Rimini si prepara a celebrarlo per un intero anno con una serie di iniziative partite lo scorso 14 dicembre con l’inaugurazione della grande mostra nelle sale di Castel Sismondo. “Fellini 100 Genio immortale” è una mostra itinerante che, fino al 15 marzo, riporta in primo piano memorie, emozioni, fotogrammi, scene, suggestioni provenienti da quel mondo straordinario capace di dirci tutta la verità su noi stessi con l’irresistibile fascino universale del sogno. La mostra parte della sede futura del Museo Fellini, e ruota attorno a tre nuclei di contenuti, nella cornice di un allestimento scenografico innovativo: il primo racconta la Storia d’Italia a partire dagli anni Venti-Trenta per passare poi al dopoguerra e finire agli anni Ottanta attraverso l’immaginario dei film di Fellini; il secondo nucleo è dedicato al racconto dei compagni di viaggio del regista, reali, immaginari, collaboratori e no; infine, il terzo nucleo sarà dedicato alla presentazione del progetto permanente del Museo Internazionale Federico Fellini.
Info: www.mostrafellini100.it


Mostra

Una storia lunga 400 anni

Ospitata nella splendida cornice delle Sale antiche della Biblioteca Gambalunga, la mostra propone un viaggio nel tempo alla scoperta dei poliedrici volti della città. Da leggersi attraverso i preziosi codici, le fragili carte d’archivio, le fantasmatiche fotografie “sviluppate” nell’esperienza immersiva della Galleria dell’Immagine. Si incontreranno i progenitori illustri di cui la città ha favoleggiato; si ammireranno i manoscritti della raffinata ed enigmatica corte malatestiana; si leggeranno le appassionate discussioni sull’identità cittadina, il suo segno zodiacale, i dialoghi scientifici con gli intellettuali d’oltralpe, fino alle narrazioni che hanno fatto di Rimini un mito dell’immaginario contemporaneo. La prima delle sale antiche ospita l’installazione dell’artista Daniele Torcellini. Fino al 26 Gennaio.
Info: www.bibliotecagambalunga.it