Reggio Emilia

In Italia dopo ben 30 anni
l’arte di Jean Dubuffet

In esposizione a Reggio Emilia 140 opere

Una grande retrospettiva dedicata a Jean Dubuffet (1901-1985), uno dei maggiori artisti del XX secolo, protagonista dell’Informale. La mostra (visitabile fino al 3 Marzo) va ad esplorare i numerosi cicli creativi, le vaste ricerche, le sperimentazioni tecniche inedite e originali dell’artista, genio universale e multiforme. In mostra 140 opere tra dipinti, disegni, grafiche, sculture, libri d’artista, composizioni musicali, poetiche e teatrali provenienti principalmente dalla Fondation Dubuffet e dal Musée des Arts Décoratif di Parigi, nonché da musei e collezioni private di Francia, Svizzera, Austria e Italia, oltre a un nucleo di 30 lavori di protagonisti storici dell’art brut, realizzata in collaborazione con Giorgio Bedoni. Il percorso espositivo, suddiviso in tre sezioni principali, si sviluppa intorno alla dialettica tra le due nozioni di materia e spirito. La rassegna include una sezione dedicata all’art brut, termine coniato nel 1945 dallo stesso Dubuffet che ne costituì la prima collezione al mondo designata con tale nome. Si tratta di una forma di espressione artistica spontanea, scoperta dall’artista negli ospedali psichiatrici, propria di quei talenti che, privi di una formazione accademica, sono posseduti da un istinto creatore puro e talvolta ossessivo. A Palazzo Magnani si possono ammirare le opere di Aloïse, Wölfli, Wilson, Walla, Hauser, Tschirtner – divenuti oramai parte integrante della storia dell’arte del XIX/XX secolo – provenienti dalla Collection de l’Art Brut di Losanna, da collezioni private svizzere e dal Gugging Museum di Vienna.
Info: www.palazzomagnani.it


MOSTRA

La ricerca in otto storie

“La vita materiale” è l’esposizione ospitata dalla Fondazione Palazzo Magnani che presenta la ricerca di otto artiste italiane accomunate dall’impiego e rigenerazione di materiali spesso umili e tradizionalmente associati all’artigianato che trovano un originale spazio nel loro lavoro artistico.
Info: www.palazzomagnani.it


MUSICA

Stagione concerti

La Stagione dei Concerti 2018-2019 della Fondazione “I Teatri di Reggio Emilia” (Valli e Cavallerizza) presenta un’ampia gamma di stimoli musicali, generi, epoche, autori: la musica barocca e il Novecento storico, gli autori dell’est Europa e i grandi classici. Appuntamenti fino al 29 Maggio 2019.
Info: www.iteatri.re.it


COS’È MOSTRA MERCATO CON PRODOTTI DI DIVERSI SETTORI

Torna in marzo la Fiera di San Giuseppe

La Centenaria Mostra Agricola Commerciale Industriale Artigianale “Fiera di San Giuseppe” di Scandiano è un’iniziativa assai antica – tanto da sfiorare i cinque secoli di storia – che ha saputo mantenere vivo l’interesse dei tanti visitatori che ogni anno si riversano nella cittadina durante il periodo fieristico. Decine di espositori provenienti da tutta Italia esibiranno prodotti di diversi settori come arredamento, utensileria, oggettistica, zootecnia, agricoltura, vitivinicoltura, macchine agricole, industriali, autovetture e attrezzature da campeggio. L’evento è arricchito da iniziative culturali, musicali e ludiche che fanno della Fiera di San Giuseppe un appuntamento divertente per tutti i visitatori. Di seguito le date e gli orari da segnare in agenda per la visita alla Mostra: 16 e 23 Marzo dalle ore 14 alle 20; 17, 19 e 24 marzo dalle ore 9 alle 20 mentre il 18 il 25 marzo l’orario sarà dalle 9 alle 13. L’ingresso è gratuito.
Info: www.fierasgiuseppe.it


FOTOGRAFIA

Africa: le 100 foto di Salgado

Binario 49 (Via Turri, 49) e Spazio Guerra (Piazza XXV Aprile, 2) ospitano le due sezioni della mostra fotografica concessa gratuitamente in anteprima nazionale dal fotografo brasiliano Sebastião Salgado, una retrospettiva su 30 anni di reportages realizzati a partire dagli anni Settanta nell’Africa sub-sahariana.
Info: www.spaziogerra.it


EVENTO

Il Carnevale di Castelnuovo di Sotto

Il carnevale castelnovese è caratterizzato dalle tradizionali sfilate di carri allegorici giganti.
La creazione di grandi carri di cartapesta è una vera forma d’arte a cui i maghi carristi castelnovesi lavorano un anno intero per onorare l’appuntamento carnevalesco secondo l’antica tradizione.
Info: www.alcastlein.it

2019-02-26T17:22:20+00:00Argomento: INTRATTENIMENTO|