Terrena 2019: tracciati di land art in Bassa Romagna

Affascinante mix di arte e natura

Gli alberi hanno spesso più anni degli esseri umani e se potessero parlare testimonierebbero la storia delle nostre comunità. Spesso l’immaginario comune relega il concetto di bosco e di foresta – intesi come raggruppamenti spontanei di alberi – all’alta montagna; eppure, se lasciassimo la natura libera di agire, alberi e arbusti crescerebbero ovunque. Se allora, ci mettiamo in ascolto, cosa ci possono raccontare gli alberi? Cosa ci dicono del nostro futuro, anche immediato? In Bassa Romagna ci sono luoghi in cui possiamo riscoprire come sarebbe il mondo senza di noi, grazie alla presenza di aree protette di riequilibrio ambientale, nelle quali la natura è libera di svilupparsi: pochi metri prima i filari dei campi e le lingue di asfalto, con la memoria che va alle centuriazioni romane, subito dopo intravediamo una selva ed entriamo in territori quasi inesplorati che sembrano non avere subìto l’avanzare della storia. “Terrena 2019” nasce qui, nell’incontro tra questi luoghi incontaminati e l’arte, la musica e la storia, guardando ai fermenti delle arti contemporanee in Europa: dalla sonorizzazione (sound design) al disegno murale (street art), dall’installazione ambientale alle performing art, senza tralasciare il concerto e il reading letterario. Appuntamenti imperdibili in un mix fra commissioni ad hoc e rielaborazioni e presentazioni site-specific, nel corso dei quali la natura è palcoscenico e voce narrante. I tracciati di Land Art in Bassa Romagna si propagano come i movimenti di una sinfonia che percorrerà oasi, aree protette, percorsi segreti e luoghi urbani che diventeranno anch’essi elemento di continuità con la natura attraverso l’arte.
Info: www.terrenalandart.it


RI-SCOPERTE

Il percorso del
Podere Pantaleone

Il Podere Pantaleone, con il suo ambiente di grande valore naturale e paesaggistico, ha riaperto al pubblico e offre la possibilità di essere riscoperto anche con visite guidate fino al 6 ottobre. Il Podere Pantaleone è un’area di riequilibrio ecologico e sito di importanza comunitaria di circa sette ettari di terreno.
Info: poderepantaleone.it


ALFONSINE

Fra leggerezza e riflessione

“Pensiero, narrazione e voce” è la rassegna che animerà le serate estive di Alfonsine con spettacoli e suoni dai più bei festival della regione. Rimane invariato lo spirito della rassegna: il desiderio di offrire proposte anche molto diverse tra loro e di accontentare tutti i palati, cercando di coniugare la leggerezza delle sere estive alla riflessione su temi importanti.
Info: bassaromagnamia.it


MOSTRA

La grande personale di Miquel Barcelò

Fino al 6 ottobre il Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza dedica una grande personale all’artista spagnolo Miquel Barceló uno dei massimi protagonisti della scena contemporanea internazionale. La mostra faentina è la prima vera antologica in Italia dedicata alla sua produzione ceramica, dagli esordi ai giorni nostri, e vede nascere un progetto speciale realizzato dall’artista appositamente per il MIC di Faenza. L’artista, infatti, creerà un’installazione in dialogo con la sezione dedicata alle ceramiche faentine. All’interno della sala l’artista posizionerà le sue ceramiche, dai primi lavori in argilla della fine degli anni Novanta ai giorni nostri. Inoltre, selezionerà per affinità alcuni pezzi chiave della collezione ed interverrà all’interno delle vetrine in maniera mimetica, in un racconto autobiografico in cui l’elemento privato si mischia alla storia.
Info: www.micfaenza.org


IN FIORE

Cervia Città Giardino: 47° edizione

Considerata tra le più importanti manifestazioni italiane dedicate all’architettura del verde, “Cervia Città Giardino”, arrivata alla 47° edizione, fiorisce, letteralmente, da maggio quando artisti, tecnici e architetti del verde in rappresentanza di 60 città ed enti italiani e stranieri si danno appuntamento per trasformare le aiuole e i giardini delle località di Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Tagliata in vere e proprie opere d’arte, dando vita ad una grande mostra en plein air. Questa amichevole gara non competitiva si rinnova ogni anno grazie al confronto e all’interscambio di creatività dei maestri del verde che sfocia in allestimenti originali e sperimentali. I capolavori di questo eccezionale confronto – 270.000 piante di fiori e migliaia di metri quadrati di tappeto erboso – si possono ammirare per tutto il periodo estivo, fino a fine settembre, passeggiando per Cervia e dintorni ad ogni ora del giorno, ed anche in notturna.
Info: turismo.comunecervia.it