Urbino on Foot: passeggiate
alla scoperta della città

Appuntamenti fino al 25 settembre (ore 21)

È in corso la quinta edizione di ‘Urbino on Foot’, le passeggiate del mercoledì sera lungo strade, vicoli e sentieri di Urbino, compresi quartieri, frazioni e paesi limitrofi. Si andrà avanti fino al 25 settembre, ogni mercoledì sera alle 21. Basta trovarsi puntuali ai piedi del monumento a Raffaello, a pian del Monte, con scarpe comode e abbigliamento adeguato alla stagione (parcheggio viale Buozzi adiacente). A quel punto ci si lascia guidare in uno dei tanti percorsi studiati e approvati dal CAI verso il centro o i quartieri fuori le mura, per poi tornare al punto di partenza dopo circa un’ora e mezza. La partecipazione è gratuita. L’iniziativa è organizzata dalla Associazione Pro Urbino e il Club Alpino Italiano Sezione Montefeltro – Gruppo Urbino. Si cammina di buon passo con lo stesso spirito con cui si affronta un’escursione in montagna, per il piacere di camminare insieme e facendo una sana attività fisica. Quando la passeggiata si terrà fuori Urbino, i partecipanti dovranno raggiungere il ritrovo comunicato il mercoledì precedente e segnalato con congruo anticipo anche sulla pagina Facebook ‘Urbinonfoot’. Tra le location fuori porta, Campocavallo, Furlo, Cesane, Fermignano, Cagli, e tante altre. Quest’anno, poi, gli organizzatori hanno scelto di aderire alla campagna “una borraccia per l’acqua” incentivando l’acquisto di borracce riutilizzabili al posto delle bottigliette di plastica. L’evento sostiene poi il progetto MoviS (Movimento e salute oltre la cura) del reparto di Oncologia di Urbino, al quale sarà riservata una passeggiata.
Info: www.vieniaurbino.it


FINO AD AGOSTO RICCO IL CALENDARIO DEGLI EVENTI

Giovedì sera a Palazzo Ducale

La Galleria Nazionale delle Marche – Palazzo Ducale di Urbino, fino al 29 agosto, aprirà le sue porte al pubblico anche il giovedì sera dalle 19.20 alle 22.20 (con chiusura biglietteria alle 21.20) e accoglierà i propri visitatori con un ricco calendario di eventi in programma.
Sarà inoltre possibile accedere alla sommità del Torricino per la serata del giovedì. Da questo affaccio si gode della visione dell’intera città, delle sue mura con la Fortezza Albornoz e lo scorrere del paesaggio verso l’Appennino e il mare. Tutte le iniziative previste saranno fruibili acquistando il normale biglietto di ingresso alla Galleria.
Info: www.gallerianazionalemarche.it


MOSTRA#1

Agostino Iacurci: “Tracing Vitruvio”

Palazzo Mosca – Musei Civici ospita un articolato progetto site specific concepito per Pesaro da Agostino Iacurci (1986), artista noto a livello internazionale soprattutto per i suoi monumentali dipinti murali realizzati nello spazio pubblico. Le sue opere tridimensionali e pittoriche fortemente scenografiche, creano una dimensione suggestiva e coinvolgente che accompagna la presentazione di dieci diverse edizioni del De Architectura di Vitruvio (80 a.C.- 15 a.C. circa) – considerato il più famoso teorico dell’architettura di tutti i tempi – provenienti dalla Biblioteca Oliveriana. Due i fili conduttori che guidano il percorso: uno squisitamente filologico per analizzare la fortuna critica ed editoriale del testo vitruviano ampiamente documentata dalle raccolte oliveriane. L’altro filo è quello creato da Iacurci, attraverso una ricerca molto vicina ai temi dell’antico e lo studio dell’uso del colore nell’architettura e nelle arti plastiche di età classica.
Info: mostreleonardoraffaello.it


MOSTRA#2

“Scena notturna sul mare”

La Fondazione Pescheria ospita la mostra di Matteo Fato dal titolo “Scena notturna sul mare”, visitabile fino al 3 novembre. La mostra, pensata appositamente per Pesaro, prende avvio dal dipinto di un anonimo pittore pesarese del Seicento conservato nei depositi dei Musei Civici. La tela, che rappresenta una marina al chiaro di luna, è stata oggetto di studio da parte di Fato, il quale ha realizzato una nuova serie di opere che si pongono in dialogo ideale con il suo predecessore di cinquecento anni fa. L’inedito e sorprendente confronto tra presente e passato apre una profonda riflessione sulla pittura, la sua storia e la sua identità attuale. Particolarmente attento allo spazio che accoglie i suoi lavori, al punto da includerlo come elemento costitutivo, l’artista si è lasciato guidare dalla suggestione del Centro Arti Visive Pescheria, articolato nel Loggiato della Pescheria, aperto sulla strada, e nell’ambiente dodecagonale e centrifugo della Chiesa del Suffragio.
Info: centroartivisivepescheria.it